Project Description

SOS Dislessia: Ecco come Aiuta la Logopedia

La dislessia viene spesso associata alla tendenza di alcune persone ad invertire le lettere nelle parole mentre le leggono. Tuttavia, è importante sapere che la dislessia è molto di più e l’inversione della lettera, in realtà, non è la caratteristica più comune di questo disturbo. Questa condizione può svilupparsi specialmente nelle prime fasi dell’apprendimento della lettura e scrittura dell’infanzia.  Per questo, è importante sapere anche che la Logopedia può fare molto per aiutare un bambino affetto da dislessia.

Che Cos’è la Dislessia?

Il termine Dislessia viene utilizzato per descrivere la difficoltà di una persona a leggere e interpretare le parole stampate, le lettere e altri simboli, anche quando la persona presenta un’intelligenza normale e ha ricevuto un insegnamento alla lettura appropriato. A dire il vero, chi soffre di dislessia ha generalmente un’intelligenza media o anche superiore alla media, a testimonianza del fatto che questa condizione non è dovuta alla mancanza di intelligenza.
Spesso, come conseguenza delle difficoltà di lettura, si presentano limitazioni del vocabolario, scarsa consapevolezza fonologica e problemi di comprensione, tutti problemi che si evidenziano nella scuola elementare, quando gli studenti iniziano a leggere per imparare.

Come faccio a capire se è Dislessia?

Anche se la lista non è completa, alcune delle seguenti caratteristiche si associano spesso alla dislessia:
– Difficoltà nello sviluppo della consapevolezza fonologica e delle capacità di elaborazione fonologica;
– Difficoltà nel decodificare correttamente le parole prive di senso o poco familiari;
– Difficoltà a leggere singole parole in isolamento;
– Lettura orale imprecisa, poco fluida e laboriosa;
– Difficoltà a pronunciare determinati suoni (anche se questo non significa sempre dislessia);
– Difficoltà a nominare le lettere dell’alfabeto;
– Difficoltà nell’imparare a scrivere;
– Errori di ortografia incoerenti;
– Scrivere lettere e numeri al contrario in modo persistente (ad es. “b” e “d”);
– Minore difficoltà a rispondere alle domande verbalmente piuttosto che a scrivere le risposte;
– Difficoltà a ricordare sequenze come i mesi dell’anno, o cose come i numeri di telefono;
– Difficoltà a prendere appunti o copiare;

Dislessia e Fonologia

La difficoltà a leggere le parole è spesso causata da un deficit nella componente fonologica del linguaggio, il che significa che la persona può avere difficoltà a capire come i suoni si uniscono per formare le parole. Molti studenti che compiono errori del suono nel parlato dimostrano errori fonologici. A sua volta, questo rende difficile per la persona decodificare una parola scritta (scandagliare le lettere e metterle insieme per formare una parola).

Le persone dislessiche spesso mescolano l’ordine delle lettere durante la scrittura e trovano difficile leggere le “parole a vista” (parole in cui la maggior parte delle persone può leggere a vista, ad esempio “il”).
Potresti notare che un bambino dislessico capisce il testo quando gli viene letto ad alta voce, ma ha difficoltà a capirlo se lo legge da solo, anche se ha letto con successo le parole.
Il motivo è che spesso deve fermarsi e pronunciare le parole, quindi può dimenticare ciò che ha appena letto.

logopedista per dislessia

Come Può Aiutare la Logopedia?

La logopedia, in caso di difficoltà, diventa parte integrante dei processi di apprendimento della lettura di uno studente, anche quando il bambino ha solo difficoltà a leggere e non a parlare. Il logopedista è in grado di migliorare i sistemi fonologici complessivi e gli esercizi di logopedia aiutano il bambino dislessico a capire come i suoni si uniscono per formare parole.

Principalmente il logopedista si occupa di:
– prevenire i problemi della lingua scritta favorendo l’acquisizione del linguaggio e l’alfabetizzazione emergente;
– identificare i bambini a rischio di problemi di lettura e scrittura;
– valutare e monitorare l’andamento di lettura e scrittura;
– fornire interventi e documentare i risultati per la lettura e la scrittura;
– affiancare altre figure, tra cui insegnanti, genitori e studenti dell’istruzione generale;
– sostenere pratiche di alfabetizzazione efficaci.

Aree Principali:

Sulla base dei risultati della valutazione da parte di un logopedista viene fornito un piano d’intervento per affrontare le aree problematiche. Nessuna area dovrebbe essere presa di mira isolatamente, ma piuttosto tutte le aree dovrebbero essere affrontate insieme nella terapia, per aiutare il bambino ad apportare modifiche al suo intero sistema fonologico. Di seguito sono riportate le spiegazioni del tipo di terapia da fornire in base alle aree in cui il bambino ha problemi:

Abilità di Consapevolezza Fonologica

Consapevolezza fonologica significa fondamentalmente comprendere i suoni che compongono il linguaggio. Quando un bambino inizia a imparare a leggere, è importante che crei il collegamento tra il suono corretto e le singole lettere e combinazioni di lettere per far risuonare le parole. Questa si chiama decodifica ed è il modo in cui ogni bambino inizia a imparare a leggere. Alla fine, le parole ad alta frequenza diventano familiari e la lettura diventa più automatica.

Le abilità di consapevolezza fonologica sono le abilità di pre-lettura che sono così cruciali per leggere le parole stampate e ortografarle.

Queste sono abilità che ci permettono di manipolare i suoni e metterli insieme per formare parole. Oppure ci permettono di smontare le parole e capire quali suoni compongono quella parola. I terapisti del linguaggio hanno molte conoscenze sullo sviluppo delle abilità di consapevolezza fonologica e molte di queste abilità sono state collegate al successo nell’apprendimento della lettura e dell’ortografia.

Gioco Linguistico

Man mano che una persona impara più parole ed espande il proprio vocabolario, il cervello sviluppa la conoscenza delle regole non scritte sulle combinazioni di fonemi e vocali consentite nel linguaggio. I bambini si basano su questa comprensione attraverso il gioco linguistico, come impegnarsi in giochi di parole in cui indovinano le terminazioni delle parole, si esercitano a sostituire un suono con un altro, rima e canto.

Le persone che soffrono di dislessia di solito trovano la rima e il gioco linguistico più difficili dei loro coetanei. Spesso lottano con i suoni in sequenza e possono avere difficoltà con i giochi in cui devono cambiare la vocale centrale o usare l’inizio di una parola con un nuovo finale. Gli scioglilingua sono particolarmente difficili.

giochi logopedia dislessia

Giochi di Logopedia da Fare con il Bambino Dislessico

Ecco alcune idee su cosa potresti concentrarti quando insegni la consapevolezza fonologica al tuo bambino:
– Rima: cosa fa rima con palla? Rana e maiale fanno rima?
– Capacità di segmentare le parole in sillabe (quante sillabe ci sono in “ombrello”? Om… bre… llo)
– Capacità di identificare le parole con lo stesso suono iniziale (gatto e mucca iniziano con lo stesso suono? Cos’altro inizia con lo stesso suono del libro?)
– Capacità di identificare le parole con lo stesso suono finale (Cos’altro finisce con lo stesso suono della barca?)
– Capacità di segmentare le parole in singoli suoni: CCVC, CVCC, CCVCC (Quali suoni senti nel piatto? Pi.. a … tt… o)
– Sound Blending: (dirò alcuni suoni, li metti insieme e dimmi che parola fanno: “c … a … n.. e” – Cane!)
– Corrispondenze lettera-suono: (Che suono fa la lettera “b”? Quale lettera fa suonare “buh”?)

Difficoltà nella Fonologia

Un bambino che ha problemi con i suoni del linguaggio a causa di problemi fonologici avrà problemi con interi gruppi di suoni. Vedrai degli schemi nel discorso del bambino.

È normale che i bambini utilizzino determinati processi fonologici quando sono molto giovani (che terminano tra i 3-5 anni) ma se un bambino continua a utilizzare questi schemi oltre le età in cui dovrebbero smettere, potrebbe avere un disturbo fonologico. Ad esempio, tutti i suoni lunghi (suoni che possono essere tenuti in fuori come “s”) possono essere sostituiti con suoni più brevi (come “t”).

In alternativa, tutti i suoni alla fine o all’inizio delle parole verranno eliminati. Un bambino può avere un solo processo fonologico (pattern di errore sonoro) o può averne molti in corso contemporaneamente. Questo può rendere il discorso di un bambino molto difficile da capire.

Per una persona con difficoltà a produrre suoni, un logopedista dovrebbe essere il primo punto di riferimento e sostegno. I disturbi fonologici dovrebbero essere trattati mostrando al bambino la differenza tra le produzioni corrette e le sue produzioni scorrette
Alcune persone dislessiche sono affette anche da disprassia. La disprassia è una difficoltà delle capacità motorie fini che influisce sul coordinamento e sequenziamento dei movimenti e può influire anche sul linguaggio per il coinvolgimento dei muscoli utilizzati nella produzione verbale.

esercizi dislessia

Difficoltà “a Trovare le Parole”

Molte persone dislessiche provano la sensazione di avere una parola sulla “punta della lingua” ma si ritrovano incapaci di esprimerla. Le difficoltà nel trovare le parole non sono la stessa cosa che avere una mancanza di conoscenza del vocabolario, poiché la persona conosce la parola, semplicemente non è in grado di ricordarla in quel momento.
Studi di linguistica applicata hanno rivelato che il modo in cui memorizziamo le parole per recuperarle dal lessico mentale è attraverso i suoni iniziali delle parole. Ciò significa che è possibile per il cervello scegliere una parola diversa che inizia con la stessa lettera, ad esempio “bandana” invece di “banana” o una parola che contiene suoni simili ma ha un significato diverso.

Recupero delle Parole

I terapisti del linguaggio e del linguaggio lavorano con molti bambini che hanno difficoltà in quest’area e usano strategie per aiutare il bambino a recuperare la parola, ad esempio lavorando sulla conoscenza delle categorie. Ecco alcuni giochi per lavorare sul recupero delle parole:
Il gioco del cicalino. Utilizzando un timer, chiedi al bambino di nominare quante più cose possibile in una determinata categoria (la categoria potrebbe essere animali dello zoo, alimenti, marchi di abbigliamento, personaggi dei film, ecc.) E ferma il timer dopo un minuto. Possono competere contro te o qualcun altro per vedere chi può nominare di più in un minuto.
Giochi di associazione. Fai un elenco di cose che vanno insieme, ad esempio pesce e patatine o sale e pepe, quindi dai al bambino una di esse (ad esempio sale e …) e fagli pensare alla seconda parte. Se hanno difficoltà, potresti mescolare tutte le seconde parti e convincere il bambino ad abbinarle.
Sinonimi. Chiedi al bambino di pensare a quante più parole possibile che hanno lo stesso significato di una data parola (ad esempio felice), puoi dare loro un tempo prestabilito per farlo oppure puoi chiedere loro di nominare una quantità prestabilita e vedere quanto tempo ci vuole.
Io spio. Questo può essere usato per lavorare sul pensiero della prima lettera delle parole, puoi estenderlo se il bambino è in grado di pensare all’elemento a cui stavi pensando facendogli scegliere qualcosa che inizia con la stessa lettera.

Ciclo Fonologico e Memoria

Potresti sentire logopedisti commentare sul “tempo di elaborazione” di una persona. Questo termine si riferisce al tempo impiegato da una persona per elaborare le informazioni fornite e quindi rispondere ad esse. Le persone dislessiche generalmente richiedono tempi di elaborazione più lunghi e più ripetizioni della lingua parlata per imparare.
La dislessia può anche influenzare la memoria a causa di quello che viene chiamato il “loop fonologico”. Il ciclo fonologico è uno strumento utilizzato dalla nostra memoria a breve termine per permetterci di raccogliere un’informazione e poi provarla nel nostro cervello. Ad esempio, si utilizza il ciclo fonologico quando si desidera ricordare un numero di telefono. Ci aiuta a conservare le informazioni nella nostra memoria fino a quando non sarà necessario recuperarle in un secondo momento.

Alcune persone possono ricordare più informazioni di altre, ma le persone dislessiche spesso possono ricordare meno informazioni rispetto ad altre che non hanno la dislessia.

Ad esempio, una persona dislessica a cui viene chiesto di ripetere qualcosa che l’insegnante ha appena detto, potrebbe non essere in grado di trovare le parole per farlo, anche se stava ascoltando e prestando attenzione. Più una parola viene ripetuta, più facile sarà per la persona ricordarla. Questa difficoltà nel ricordare le informazioni parlate è anche un motivo per cui una persona dislessica troverà più difficile l’apprendimento di un’altra lingua.

Consigli

Consigli per aiutare le persone con difficoltà di memoria uditiva:
– Annotare le informazioni oltre a fornirle verbalmente;
– Ripeti le informazioni più volte, nello stesso modo ogni volta;
– Ricorda alla persona di prendere appunti se necessario;
– Utilizza suggerimenti illustrati, grafici e tabelle per rendere le informazioni il più visive possibile;
– Insegna le tecniche di memoria come strategia di studio (es. Mnemonici, visualizzazione, prove orali, numerose ripetizioni).

consigli per la dislessia

Valutazioni Professionali

Non tutte le persone affette da dislessia presentano tutte queste difficoltà e alcuni casi saranno meno gravi di altri. Una valutazione da parte di un logopedista specializzato è sempre raccomandata a qualsiasi bambino con diagnosi di dislessia.
Come notato in precedenza, prima viene identificato il disturbo, migliori saranno i risultati educativi, mentali ed emotivi a lungo termine.

A causa del volume di studenti nei sistemi scolastici, la possibilità che il disturbo dell’alfabetizzazione linguistica di uno studente venga perso o, per lo meno, non venga identificato fino a una fase successiva della scuola, è una preoccupazione legittima.

L’importanza, quindi, che professionisti qualificati come i logopedisti vengano coinvolti attivamente nella valutazione e presa in carico dei bambini individuati come a rischio, non andrebbe sottovalutata da nessun sistema scolastico.

Se hai il dubbio che tuo figlio sia affetto da dislessia, parla con i suoi insegnanti e con il pediatra, così che vengano attivate tutte le manovre necessarie per capire se c’è effettivamente un problema e come è meglio intervenire.

Qualora ritenessi utile una valutazione, un percorso di trattamento o anche solo un consiglio da parte di un logopedista, con i logopedisti qualificati di Medelit, puoi ricevere supporto comodamente, direttamente online o a domicilio.

Ti potrebbe interessare…

Consulenza Urologo

Prelievo e Analisi

Ginecologa Online