Project Description

Come Funziona il Vaccino a mRNA per COVID19?

I vaccini contro il Coronavirus – sviluppati per primi da Pfizer, BionTech e Moderna – sono un importante passo avanti per il debellamento della pandemia attualmente in corso.

I nuovi vaccini ad mRNA sviluppati sono caratterizzati dal fatto che utilizzano piccoli frammenti del codice genetico del virus SARS-2COV (responsabile del Covid-19), che fornisce alle nostre cellule istruzioni su come creare una proteina innocua che è unica al virus. Dopo che le nostre cellule hanno creato copie di questa proteina, distruggono il materiale genetico del vaccino. I nostri corpi riconoscono che la proteina prodotta non dovrebbe essere lì e innescano una reazione immunitaria in cui vengono creati linfociti T e linfociti B che ricorderanno come combattere il virus che causa COVID-19 se dovessimo incontrarlo in un futuro. Anche se piuttosto nuovi, sappiamo che questi vaccini presentano effetti collaterali minimi. Tuttavia, come tutte le tecnologie nuove, il vaccino a mRNA suscita molte domande. Per questo, occorre fare chiarezza e capire che cos’è e come funziona un vaccino a mRNA.

Come il nostro Corpo Risponde a un VirusVaccino mRNA

Per capire come funzionano i vaccini COVID-19 è utile prima di tutto capire come funziona la risposta del nostro corpo all’esposizione ad un patogeno.

Quando un virus come quello del COVID-19, invade il nostro corpo, attacca e si moltiplica. Questa invasione, chiamata infezione, è ciò che causa la malattia. A questo punto, il nostro sistema immunitario utilizza diversi strumenti per combattere le infezioni: il sangue contiene globuli rossi, che trasportano ossigeno a tessuti e organi, e globuli bianchi che combattono le infezioni.

La prima volta che una persona viene infettata dal virus SARS-2COV, che causa COVID-19, il corpo può impiegare diversi giorni o settimane per creare e utilizzare tutti gli strumenti di difesa necessari per superare l’infezione. Durante l’infezione il nostro sistema immunitario impara e sviluppa una memoria su come proteggere il corpo da quello specifico patogeno, così che nell’eventualità di un nuovo incontro, questo abbia meno possibilità di portare ad un’infezione.

Cosa Significa mRNA

RNA è l’abbreviazione di acido ribonucleico ed è una molecola presente naturalmente in tutte le cellule viventi. L’RNA messaggero (mRNA) trasporta le istruzioni per produrre proteine ​​dai nostri geni, situati nel nucleo cellulare, al citoplasma, il corpo principale delle nostre cellule.

Gli enzimi nel citoplasma traducono quindi le informazioni trasmesse dal mRNA e producendo le specifiche proteine “ordinate” dal nucleo.

Cosa Cambia nel Vaccino a mRNA

Lo scopo del vaccino è quello di stimolare la risposta immunitaria, senza però incorrere in una vera e propria infezione da parte del patogeno. Per ottenere questo effetto, molti vaccini sono stati sviluppati utilizzando l’intero agente patogeno inattivato o attenuato e quindi “indebolito”, oppure solo una parte di esso.

La tecnologia ricombinante ha portato ad una più aumentata efficacia dei vaccini, in quanto impiega cellule batteriche o fungine per creare tante copie di una particolare proteina virale o batterica, o talvolta una piccola parte della proteina, permettendo l’innesco di una reazione immunitaria più amplificata.

I vaccini a mRNA, invece, aggirano questo passaggio e sono sintetizzati chimicamente senza la necessità di cellule o agenti patogeni, rendendo più semplice il processo di produzione. I vaccini a mRNA contengono informazioni che consentono direttamente alle nostre cellule di produrre da sole le proteine del patogeno o i frammenti di proteine necessarie per innescare la reazione immunitaria.

Nessuno dei vaccini anti-SARS-CoV-2 ad mRNA sviluppati può causare COVID-19. Nessuno di questi vaccini porta nel nostro organismo tutto il codice genetico del virus, e pertanto, non possono causare un’infezione.

Come Funziona il Vaccino a mRNA

I Vaccini a mRNA trasportano e forniscono specifiche istruzioni alle nostre cellule per far si che producano loro stesse le proteine ​​virali o batteriche necessarie per far sviluppare una reazione immunitaria. Il nostro sistema immunitario risponde a queste proteine, che individua come “estranee”, ​​e sviluppa gli anticorpi necessari per reagire a futuri incontri con il vero e proprio patogeno, dunque una “memoria” immunologica.
La tecnologia del vaccino a mRNA non è nuova, ma quelli sviluppati per il virus SARS-2COV sono i primi ad ottenere l’approvazione per l’uso negli esseri umani.

vaccino mRNA

Somministrazione del Vaccino

La maggior parte dei vaccini COVID-19 richiedono più di una dose per poter garantire la massima protezione. Al paziente viene quindi iniettato un vaccino iniziale, che aiuta il sistema immunitario a imparare a produrre anticorpi per combattere il virus SAS-CoV-2 del Covid-19, e una seconda dose viene somministrata circa 21 giorni dopo la prima. Sono in fase di autorizzazione anche alcuni vaccini che necessiteranno di una sola somministrazione.

Dopo la vaccinazione, se la persona entra in contatto con il virus, gli anticorpi e le cellule T vengono attivati ​​rapidamente per combatterlo. Non si sa ancora quanto duri effettivamente l’efficacia del vaccino e se occorra ripeterlo ogni anno, come viene fatto per l’influenza.

Il Vaccino per COVID-19 è sicuro?

L’mRNA non rimane a lungo nelle nostre cellule. Una volta che ha trasmesso le sue istruzioni per la produzione delle proteine ​​nelle nostre cellule, infatti, gli enzimi chiamati ribonucleasi (RNasi) degradano l’mRNA. Per questo, non è possibile che l’mRNA rimanga nella cellula. Ciò significa che l’RNA non può integrarsi nel DNA della cellula vaccinata e che con i vaccini a mRNA non vi è rischio di alterazioni genetiche a lungo termine.
In più, i vaccini a mRNA portano solo le informazioni di una piccola parte del patogeno, impedendo alle nostre cellule di produrre l’intero patogeno e causare l’infezione da COVID-19.
Tutti i vaccini a mRNA autorizzati sono stati sottoposti ad estensivi test di sicurezza nell’ambito di studi clinici  controllati sull’uomo prima di ricevere l’autorizzazione all’uso da parte degli organi di controllo quali EMA ed FDA. Le prime autorizzazioni all’uso di emergenza (EUA), rilasciate dalla Food and Drug Administration (FDA) negli Stati Uniti, sono state concesse alla Pfizer solo dopo aver esaminato i dati di sicurezza di oltre 37.000 partecipanti agli studi clinici.

La protezione è immediata?

Il vaccino, una volta somministrato, fornisce una scorta di linfociti T “di memoria” e di Linfociti B che ricorderanno come combattere il virus in futuro.
In genere, il corpo impiega alcune settimane per produrre linfociti T e linfociti B dopo la vaccinazione. Pertanto, è possibile che una persona possa essere infettata dal virus che causa il COVID-19 subito prima o subito dopo la vaccinazione e poi ammalarsi perché il vaccino non ha avuto abbastanza tempo per fornire protezione.

vaccino mRNA

Effetti Collaterali del Vaccino per il CoronavirusVaccino mRNA

A volte, dopo la vaccinazione, potrebbero insorgere sintomi come febbre, stanchezza, dolori muscolari e articolari. Questi sintomi sono un segno che il corpo sta costruendo l’immunità e sono considerati normali. Più persone hanno sperimentato questi effetti collaterali maggiormente dopo la seconda dose, piuttosto che la prima, quindi è importante aspettarsi che ci possano essere alcuni effetti collaterali dopo una delle due dosi, ma ancora di più dopo la seconda dose.

In Sintesi Vaccino mRNA

Fermare una pandemia richiede l’utilizzo di tutti gli strumenti disponibili.

I vaccini lavorano in supporto al tuo sistema immunitario, rendendo il tuo corpo pronto a combattere il virus se sei esposto. Farsi vaccinare è uno dei tanti passaggi che puoi intraprendere per proteggere te stesso e gli altri dal COVID-19.

Altri meccanismi di protezione, come le mascherine e il distanziamento sociale, uniti ai test per rilevare l’infezione da virus SARS-2-CoV (il virus responsabile per la COVID-19), aiutano a ridurre la possibilità di entrare in contatto con il virus limitandone la diffusione, per proteggere te stesso e gli altri.

Dove fare il vaccino?

Attualmente le dosi disponibili sono contate e la logistica di trasporto e conservazione molto complessa, quindi la distribuzione e somministrazione dei vaccini per il Coronavirus è sotto il diretto ed esclusivo controllo delle istituzioni ed il vaccino può solo essere somministrato tramite il SSN. La priorità è stata data in prima istanza a sanitari e soggetti più a rischio, tra cui gli anziani.

Riferimenti bibliografici:

  • https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/vaccines/different-vaccines/how-they-work.html
  • https://pfe-pfizercom-d8-prod.s3.amazonaws.com/2020-11/C4591001_Clinical_Protocol_Nov2020.pdf

Ti potrebbe interessare…

Consulenza Urologo

Prelievo e Analisi

Ginecologa Online